Kombucha: come farlo in casa. Preparazione, fermentazione e imbottigliamento.

Fare il kombucha in casa è semplice e dà grandi soddisfazioni. Come succede con molti cibi fermentati è una goduria vedere l'evoluzione della bevanda e grande è la soddisfazione quando finalmente è pronta.

Concetti fondamentali

Chiariamo qui alcuni punti chiave per prepararsi il kombucha in casa.

Utensili, materiali e lavaggio

Innanzitutto, essendo il kombucha abbastanza acido, è bene che i materiali che vengono a contatto con esso siano resistenti all'acidità. Questo è in realtà il caso di molti materiali comuni in cucina, quali acciaio inox, vetro, ceramica, plastica purché alimentare. Vanno assolutamente evitati cristallo, ferro, ghisa, alluminio, ottone e altri metalli non meglio specificati, che potrebbero corrodersi e rilasciare sostanze nocive.

Un altro aspetto importante è la pulizia di questi strumenti. Fondamentale siano puliti, ma senza esagerare con i detergenti, anzi magari meglio evitare totalmente saponi antibatterici, potrebbero compromettere la fermentazione. Si consigliano in genere acqua molto calda o acqua e aceto (purché sia aceto pastorizzato). 

Occorrente

Gli ingredienti di seguito sono calcolati per produrre 1 litro di kombucha, se si desidera produrne di più è sufficiente moltiplicare per la quantità desiderata.

  • 1 SCOBY con il suo liquido di starter oppure 250ml di solo liquido di starter, lo SCOBY non è necessario (trovate tutto online comodamente, oppure passate dal laboratorio e ve ne do un po'!)
  • 2 bustine di tè a piacere (circa 4 grammi di tè)
  • 50 grammi di zucchero bianco
  • Acqua del rubinetto (se buona, se no meglio filtrata o in bottiglia)
  • Barattolo di vetro o recipiente simile per contenere il kombucha
  • Qualcosa per girare il tutto, un cucchiaio va benissimo
  • Un fazzoletto di stoffa o simili per coprire il kombucha
  • Un elastico per assicurare il fazzoletto
  • Un luogo caldo e moderatamente arieggiato (un armadio no, una qualsiasi stanza sì) per la fermentazione  

Preparazione

  1. Pulire il tutto come indicato sopra, con acqua molto calda va bene.
  2. Preparare 250ml di tè, lasciando in infusione per il tempo indicato dalla bustina (solitamente 5 minuti a 95°C per il tè nero, 3-4 a 75-80°C per il tè verde).
  3. Rimuovere le bustine e sciogliere lo zucchero nel tè, mescolando bene
  4. Aggiungere 500ml di acqua fredda al tè, così da raffreddare il tutto. È importante che la miscela non superi i 35°C al momento di aggiungere lo starter. Se sei in dubbio, aspetta ancora un po'.
  5. Versare il tutto nel recipiente scelto per la fermentazione ed aggiungere liquido di starter o liquido di starter e SCOBY, mescolando bene.
  6. Coprire col fazzoletto e posizionare il recipiente in un luogo tra i 23 e i 26°C, vagamente arieggiato, meglio se non direttamente esposto al sole.
  7. Aspettare almeno una settimana ed assaggiare. Puoi prelevare il kombucha con un cucchiaio, una cannuccia o un mestolo, puliti. Tieni conto che nella parte alta del barattolo sarà un po' più acido che in basso.
    Non c'è un momento preciso in cui il tuo kombucha sarà pronto, va a gusto. Quando pensi sia di tuo gusto puoi imbottigliarlo oppure trasferire direttamente il barattolo, con un coperchio, in frigo e berlo da lì.
    Ricordati di conservare 250ml circa di questo kombucha se vuoi prepararne dell'altro, sarà il tuo starter.

Tutto chiaro?
Se hai domande scrivimi a ivan@revoluchakombucha.com

P.S. come liquido di starter potresti anche utilizzare una bottiglietta di Revolucha, meglio se non aromatizzato!

1 commenti

ILARIO

Ciao Ivan, vorrei provare a fare il Kombutcha a casa ma non riesco a trovare uno scoby, che però leggo nel blog sul tuo sito sei disposto a cederne eventualmente un pezzo. Mi piacerebbe sapere se la proposta è ancora valida e nel caso sapere quando potrei venire io o mio padre per ritirarne un pezzo.
Grazie e aspetto una tua risposta. Enrico

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione